Maggie's Farm
intervista
LEE RANALDO


Grazie di cuore al grande Lee Ranaldo, songwriter, chitarrista e voce dei Sonic Youth per questa intervista che ha gentilmente concesso in esclusiva a Maggie's Farm ed in cui abbiamo naturalmente parlato molto di Bob Dylan.
 

LEE RANALDO - BREVE BIOGRAFIA
Lee Ranaldo nasce nel 1956 a New York. Cresce con i dischi delle band psichedeliche californiane dai Grateful Dead agli Hot Tuna, ai Jefferson Airplane, ma anche con quelli dei Led Zeppelin, Beatles, Rolling Stones, Talking Heads, Ramones. E' uno dei co-fondatori del gruppo rock di avanguardia Sonic Youth, nato nel 1981 a New York, una delle band più rilevanti degli anni '80 che fa proprio il retaggio del punk e della new wave e propone una musica sperimentale contaminata dal jazz, dal rock e dalla musica classica d'avanguardia. Lee Ranaldo (chitarra, voce) dà vita alla band insieme a Thurston Moore (chitarra, voce) e Kim Gordon (basso, voce). Nel 1984 si unisce alla band Steve Shelley alla batteria e più di recente si è aggiunto al gruppo Jim O'Rourke.
Lee Ranaldo, oltre ad essere un musicista e chitarrista (inserito al 33mo posto nella classifica dei cento migliori chitarristi di tutti i tempi redatta dalla rivista "Rolling Stone"), è anche uno scrittore (ha pubblicato alcuni libri tra cui "Bookstore", "Jrnls80s" e "Road Movies", pubblicato dalla Soft Skull Press in cui rievoca i primi anni di vita dei Sonic Youth) ed un artista visuale (alcune sue opere sono state esposte all'Hayward Gallery di Londra e al Sydney Museum of Contemporary Art).
Oltre che con i Sonic Youth, Lee Ranaldo ha anche realizzato album da solista (il suo primo è "From here to infinity" per la SST Records ma sono da ricordare anche "Dirty Windows" - una selezione di testi recitati alternati a brani musicali - ed "Amarillo Ramp (for Robert Smithson)"). Collabora anche con il batterista jazz William Hooker con cui costituisce un duo che ha pubblicato diversi lavori in cui si fondono musica e poesia. Con Hooker, Lee Ranaldo fa anche parte del gruppo Text of light nato per eseguire musica improvvisata come colonna sonora dei film di Stan Brakhage.


Michele Murino
 
 
Maggie's Farm
intervista
LEE RANALDO
a cura di Michele Salimbeni e Michele Murino

English version
(per la versione in italiano vai più giù in questa pagina)





On Bob Dylan

Maggie's Farm: Which is the importance of Bob Dylan in your life and your work? 

Lee Ranaldo: His importance is too great to list!  On every aspect of (my) life, he has had an influence.  The privy to his vision.  The font of his creativity (he’s rock’s Picasso).  In so many ways opening the eyes to poetry as much if not more than half the stuff books in high school. 

MF: In which period of your life you discovered his music? And in which way? 

LR: I knew his music since it came on AM radio—I was 10 years old in 1966.  But what really grabbed me was Carlos’ cassette of BIOGRAPH in about 1986 touring Holland.  Visions of Johanna. I could not stop listening to that version of that song---acoustic sets of 1966 post DON’T LOOK BACK.  How pure this vision in those songs, and Johanna in particular---it has never left my head since those days.  His unreleased material is what really opened me up to Dylan, and still some of the most fun to listen to.  The Complete Basement Tapes---they should issue that! 

MF: Recently, for the magazine "Uncut", you choose "Visions of Johanna" as song that changed the world. Is this your favourite song? 

LR: That song was recorded ages ago, for Imaginary Records in UK.  Robert Quine amazing on gtr, Watt on bass, Steve Shelley on drums, Anthony Coleman on kybds---so much fun.  Watt corrected the chord progression.  Quine winged it as only he can.  I love that song---and even on that recording, I was doing the ‘live’ version, cut w The Band, unreleased… 

MF: Another song that you sung is "Mama you been on my mind" (Outlaw Blues: A tribute to Bob Dylan, 1992). It's a very particular choice. Why this song?

LR: I loved the poetry in this one.  Again, unreleased. 

MF: What is your favourite Dylan's album? And what is the first Dylan's concert that you have seen? Can you talk about it?

LR: This is impossible but "Desire" is close to my heart. First concert was Street Legal period.  Rhinestone suits.  I enjoyed it, but it was before I really ‘got’ Dylan. 

MF: Did you ever met him?

LR: Sat side of stage Glastonbury for his set following SY’s, we made eye contact, I think he said “how ya doin?’ perhaps.   No,  never have and I don’t think I would know what to say to him.  But I’d love to produce an acoustic record with him! 

MF: Is Sonic Youth's music influenced by Dylan's art?

LR: I would say yes. I know Kim is fan, or was once.  I would say ‘yes’ in that he has influenced 
everything in rock, in one way or another. 

MF: Did you have seen some concert of the recent Usa Tour? We saw Dylan in Rome and he played the piano during all the show. This last tour was  very powerful and his voice was perfect. What do you think? 

LR: Same thing. I saw a piano show recently, very good.  The problem with a Dylan show is that you want so many songs out of him, and the nightly set lists are finite…  His voice is still a bit rough for me---I think if he played less shows he could sing better… But he likes to play and you gotta respect that. 

MF: What do you think about Dylan as guitarist? 

LR: I think he’s great---on record especially.  I’m not much of a mind to listen to solos from most anybody these days…  But his chording (yeah and the leads) and harmony sense are impeccable… 

MF: If you had to explain to the teenager what is the importance of Bob Dylan in the history of the '900, which arguments that you'll use?

LR: I would use The Ears and the pictures. 


On Writing 

MF: You are also a writer. You published several books. Can you tell us something about your writing?

LR: I write sprung out of my head, when I can, with whatever focus I can give to it.  Sometimes comes 
easier.  I find the computer makes me write less, as I’m always typing anyway.  So I write things like 
this. 

MF: You write a book dedicated to your journey in Morocco. What is your feeling for this land? Can you tell us something more about this book? 

LR: Book is Moroccan Journal.  The full edition will be text and photos both by myself and Leah Singer my wife.  Lots of great pictures, and texts from each of our viewpoints.  Travel to Jajouka, Tanger, Fes, Marrakech….  Only a small excerpt has been published as little book.  I’d like to see the whole published but I’m afraid I’m lazy to finalize it. 

MF: What are your favourite writers?

LR: Eartha Kit and Doc Watson.

MF: You published "Jnrls80s" a poetry book with photos of Leah Singer. Can you talk about? Is it possible your books in Europe?

LR: SoftSkull Press.com---published "Jrnls80s" and "Road Movies"----2 of them.  RM is now available in Spanish, and Jrlns80s soon in Portugese….   RM is first book, poems, road-eyes.  Jnrls80s same thing but more diaristic writing from the 1980s and the first decade of SY (tangentially). 

MF: What's your relationship with theatre (art of theatre)?

LR: I love the theatre but don’t get to see much of it.



Lee Ranaldo (left) and the others members of Sonic Youth




On Music

MF: Recently Sonic Youth's "Dirty" (a masterpiece) was released in a deluxe version. Can you tell us something? 

LR: Expanded edition.  Better sound.  More words and pictures. 

MF: Can you tell us something about The Monsoon's project?

LR. It’s on Atavistic records.  Roger Miller (Mission of Burma), William Hooker and me.  Improvisation.  Very good recording.  Also out now is “New Life After Fire (for Tom Thomson)”, duo set with Dave Dyment on electronics---dedicated to Canadian turn of century (1910) landscape painter… 

MF: We've read around that "Nyc ghosts and flowers" and "Murray street" belong to a trilogy "about the cultural history of lower Manhattan"...

LR: There is no trilogy---it was a joke---although all our recs are informed by nyc as some of us still live here and all of us are greatly enamoured and tied to this place. 

Lee Ranaldo 
Dec 2003 
NYC


Italian version



Su Bob Dylan

Maggie's Farm: Che importanza ha avuto Bob Dylan nella tua vita e nel tuo lavoro?

Lee Ranaldo: La sua importanza è troppo grande per poter fare un elenco! Su ogni singolo aspetto della (mia) vita, Dylan ha avuto un'influenza. La fonte della sua creatività (Dylan è il Picasso del rock). Dylan ha aperto gli occhi sulla poesia in così tanti modi, tanto quanto, se non di più, della metà dei libri che si studiano al liceo. 

MF: In quale periodo della tua vita hai scoperto la sua musica. Ed in che modo?

LR: Ho conosciuto la musica di Dylan ascoltandola dalla radio AM. Avevo dieci anni, era il 1966. Ma quel che veramente mi ha conquistato è stata una cassetta di Carlos (1) di BIOGRAPH circa nel 1986 mentre ero in tour in Olanda. Visions of Johanna. Non riuscivo a smettere di ascoltarla - quella dei set acustici del 1966 dopo il film DON'T LOOK BACK. Quanto era pura questa visione in quelle canzoni, ed in Visions of Johanna in modo particolare. Non l'ho mai dimenticata sin da quei lontani giorni. Il materiale di Dylan non pubblicato su dischi ufficiali è quello che me lo ha davvero fatto scoprire, ed è ancora quello che per me è più piacevole da ascoltare. I Basement Tapes in versione integrale, dovrebbero davvero pubblicarle quelle canzoni! 

MF: Per la rivista "Uncut", hai scelto proprio il brano di Dylan "Visions of Johanna" come "canzone che ha cambiato il mondo". E' il tuo pezzo preferito? 

LR: Avevo registrato quella canzone molto tempo fa, per la Imaginary Records in Gran Bretagna.
Robert Quine ha fatto un lavoro meraviglioso alla chitarra, Watt al basso, Steve Shelley alla batteria, Anthony Coleman alle tastiere. Ci siamo divertiti moltissimo. Watt ha corretto la progressione degli accordi. Quine le ha messo le ali come solo lui è in grado di fare. Amo quella canzone ed anche in quella mia registrazione ho fatto riferimento alla versione "live", quella eseguita da Dylan con The Band, una versione inedita... 

MF: Un'altra canzone di Bob Dylan che hai cantato e registrato è stata "Mama you been on my mind" che è stata pubblicata sul disco "Outlaw Blues: A tribute to Bob Dylan", nel 1992. E' stata una scelta molto particolare. Perchè proprio quella canzone? 

LR: Amavo soprattutto la poesia in quella canzone. Ed ancora una volta si trattava di un brano inedito. 

MF: Qual è il tuo album preferito tra quelli di Dylan? E qual è stato il primo concerto di Bob al quale hai assistito? 

LR: E' quasi impossibile da dire ma "Desire" è molto vicino al mio cuore. Il primo concerto di Dylan che ho visto è stato nel periodo dell'album "Street Legal". Abbigliato con vestiti di strass. Mi piacque, ma è stato prima che io fossi davvero "preso" da Dylan. 

MF: Lo hai mai incontrato?

LR: Gli sono stato seduto di fianco al palco a Glastonbury per il suo set che seguiva quello dei Sonic Youth. Ci siamo scambiati qualche occhiata, penso che mi abbia chiesto "Come va?", forse. No, non l'ho mai incontrato e non credo che saprei cosa dirgli. Però mi piacerebbe moltissimo realizzare un disco acustico con lui! 

MF: La musica dei Sonic Youth è influenzata dall'arte di Bob Dylan?

LR: Direi di sì. So che Kim è una sua fan, o lo è stata. Direi di "sì" nel senso che Dylan ha influenzato tutto nel rock, in un modo o in un altro. 

MF: Hai assistito a qualcuno dei concerti del recente tour americano di Dylan? Noi lo abbiamo visto a Roma ed ha suonato il piano durante tutto il concerto. Questo ultimo tour europeo è stato molto potente e la sua voce era perfetta. Cosa ne pensi? 

LR: Penso la stessa cosa. Ho visto un suo concerto con il piano di recente, eccellente. Il problema con gli show di Dylan è che ognuno si aspetta così tante canzoni da lui, e naturalmente il numero di canzoni che si possono eseguire in una set list di una serata sono limitate... La sua voce è ancora un po' ruvida per me. Credo che se suonasse un numero minore di show potrebbe cantare meglio... Ma gli piace fare concerti e bisogna rispettare questa sua scelta. 

MF: Qual è la tua opinione di Dylan come chitarrista? 

LR: Penso che sia un grande chitarrista, soprattutto nei dischi. Non sono molto interessato ad ascoltare gli assoli dalla maggior parte dei chitarristi di oggi... Ma il suo modo di suonare la base ritmica (e naturalmente anche quando suona la lead guitar) ed il suo senso dell'armonia sono impeccabili... 

MF: Se tu dovessi spiegare ai giovani qual è stata l'importanza di Bob Dylan nella storia del '900, quali argomentazioni useresti? 

LR: Userei Le Orecchie e le immagini.


Sulla scrittura 

MF: Sei anche uno scrittore. Hai pubblicato diversi libri. Puoi dirci qualcosa del tuo metodo di scrittura? 

LR: Scrivo quel che salta fuori dalla mia testa, quando ci riesco, con qualunque "focus" io riesca a dare a ciò che scrivo. A volte mi riesce facile. Trovo che il computer mi faccia scrivere di meno, ad ogni modo utilizzo quasi sempre la macchina da scrivere. Perciò scrivo cose così. 

MF: Hai scritto un libro dedicato ai tuoi viaggi in Marocco. Cosa ti lega a questa terra? Puoi raccontarci qualcosa di questo libro? 

LR: Il libro è "Moroccan Journal". L'edizione integrale avrà testo e foto entrambi opera mia e di Leah Singer, mia moglie. Ci sono un sacco di stupende immagini, e testi scritti dal punto di vista di ognuno di noi. Viaggi a Jajouka, Tangeri, Fes, Marrakech... Solo un piccolo estratto del progetto è stato pubblicato in forma di libretto. Mi piacerebbe vedere l'intera opera pubblicata ma ho paura di esser troppo pigro per portarla a termine. 

MF: Quali sono i tuoi scrittori preferiti?

LR: Eartha Kit e Doc Watson. 

MF: Hai pubblicato "Jrnls 80s", un libro di poesia con fotografie di tua moglie Leah Singer. Ce ne puoi parlare? E' possibile trovare i tuoi libri in Europa?

LR: SoftSkull Press.com ha pubblicato "Jrnls 80s" e "Road Movies". "Road Movies" è ora disponibile in spagnolo e "Jrnls 80s" lo sarà presto in portoghese... "Road Movies" è il mio primo libro, poesie, immagini di strada. "Jrnls 80s" è simile ma ha uno stile di scrittura più vicino al diario con materiale degli anni '80 e la prima decade dei Sonic Youth (in maniera tangenziale). 

MF: Qual è il tuo rapporto con il teatro?

LR: Amo il teatro ma non vado a vederne molto.




Sulla musica

MF: Di recente uno dei capolavori dei Sonic Youth, "Dirty", è stato pubblicato in una versione deluxe. Puoi dirci qualcosa al riguardo?

LR: E' una edizione ampliata. Con un suono migliore e con più parole ed immagini.

MF: Puoi parlarci del "Monsoon's project"? 

LR: E' uscito per la Atavistic records. E' stato realizzato da Roger Miller (Mission of Burma), William Hooker e da me. Improvvisazione. Un disco eccellente. Attualmente è stato pubblicato anche "New Life After Fire (for Tom Thomson)", un set in duo con Dave Dyment alla parte elettronica, dedicato al paesaggista canadese di inizio secolo (1910)... 


I Sonic Youth. Da sinistra: Thurston Moore, Kim Gordon, Steve Shelley e Lee Ranaldo

MF: Parlando ancora degli album dei Sonic Youth, abbiamo letto in giro che gli ultimi "Nyc ghosts and flowers" e "Murray street" fanno parte di una trilogia "sulla storia culturale della lower Manhattan"... Vuol dire che il prossimo disco dei Sonic Youth concluderà la trilogia? 

LR: Non si tratta di una trilogia, era uno scherzo, sebbene tutti i nostri dischi siano ispirati da NYC ed alcuni di noi ancora vivono lì e tutti noi siamo molto innamorati di New York e legati a questi luoghi. 

Lee Ranaldo 
Dicembre 2003 
NYC

traduzione di Michele Murino

(1): Probabilmente Carlos Giffoni, chitarrista che ha collaborato con Lee Ranaldo
 
 

Lee Ranaldo Website 
Lee Ranaldo a proposito di un concerto di Bob Dylan
Sonic Youth Website

 
MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è una  produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------