BOB DYLAN HIGHWAY 61 REVISITED
LINER NOTES

Sul lento treno il tempo non s’intromette & all’incrocio Arabo aspetta
Cumulo Bianco, l’uomo dal giornale & dietro di lui i cento Inevitabili fatti di roccia compatta & pietra – il Giudice Crema & il Clown – la casa di bambola in cui Rosa Selvaggia & Fissabile vivono semplicemente nella loro lussuria animalesca... Autunno, con due zeri sul naso a disquisire che il sole scuro su Bach è famoso quanto la sua confusione & che lei stessa – non Orfeo – è il
poeta logico “ Sono il poeta logico!” grida “La primavera? La primavera è solo l’inizio!” cerca di rendere geloso il Giudice Crema parlandogli di gente con i piedi per terra & mentre l’universo sta eruttando, indica il treno lento & prega perchè la pioggia e il tempo intervengano – non è estremamente grassa ma piuttosto progressivamente infelice... i cento Inevitabili nascondono le
loro predizioni & vanno nei bar & bevono & s’ubriacano nella loro specialissima maniera consapevole & quando tom dooley, il genere di persona che credi d’aver già visto prima, entra bighellonando con Cumulo Bianco, i cento Inevitabili dicono “chi è quell’uomo così pallido?” & il barista, un bravo ragazzo & uno che tiene a mente un bufalo, dice “non lo so, ma sono certo d’aver
visto l’altro tizio da qualche parte” & quando Paul Sergente, un uomo in abiti borghesi dalla 4th street, entra alle tre del mattino & arresta tutti perchè sono inverosimili, nessuno in realtà s’arrabbia – la maggior parte della gente capisce che è solo un po’ ignorante & Roma, uno dei cento Inevitabili sussurra “te l’avevo detto” a Madam John... Rosa Selvaggia & Fissabile stanno
coraggiosamente mandando baci a Esagramma Di Giada-Carnaby Street & a tutti i govani misteriosi e il Giudice Crema sta scrivendo un libro sul vero significato di una pera – l’anno scorso ne scrisse uno sui cani famosi della guerra civile & ora ha denti finti & nessun figlio... quando il Crema incontrò Rosa Selvaggia & Fissabile, venne  presentato niente meno che da Senzavita – Senzavita è il Grande Nemico & porta sempre una fondina in vita – è molto fondinainvita...
quando fece le presentazioni Senzavita disse “andate a salvare il mondo” & “confusione! questo è il punto” & cose così & Rosa Selvaggia strizzò l’occhio a Fissabile & il Crema uscì di scena col braccio al collo cantando “summertime & the Livin is easy” [in italiano: estate, e la vita è tranquilla, n.d.t.]... appare il Clown – imbavaglia Autunno & dice “ci sono due tipi di persone –
quelle semplici & quelle normali” questo di solito fa ridere di gusto la cava di sabbia & Cumulo Bianco starnutisce - esce &  strappa via il bavaglio di Autunno & dice “Cosa vuoi dire tu sei Autunno e senza di te tu non ci saresti! che ne pensi di questa???.” poi Rosa Selvaggia & Fissabile vanno accanto & gli danno un calcio nelle cervella & lo colorano di rosa perchè è un filosofo
fasullo – poi arriva il Clown e grida “Tu filosofo fasullo!” & gli salta sulla testa – Paul Sergente passa ancora di lì vestito da arbitro & un certo collegiale che ha letto tutto su Nietzche passa di lì e dice “Nietzche non ha mai indossato una divisa da arbitro” & Paul dice “Vuoi comprare dei vestiti, ragazzo?” & allora Roma & John escono dal bar & se ne stanno andando ad Harlem... oggi stiamo
cantando della GANG SPAZZAVIATUTTO – la GANG SPAZZAVIATUTTO compra,  possiede & fa funzionare l’Industria Della Follia – se non sai dove si trova l’Industria Della Follia, dovresti fare due passi verso destra qui vicino, dipingerti i denti & andare a dormire... le canzoni in questo disco in particolare non sono propriamente canzoni ma piuttosto esercizi di controllo del respiro
tonale... l’oggetto – per significativo che sia – ha qualcosa a che fare con gli splendidi stranieri... gli splendidi stranieri, la giacca verde di Vivaldi & il santo treno lento

hai ragione john cohen – quasimodo aveva ragione – mozart aveva ragione... non posso più pronunciare la parola occhio... quando pronuncio questa parola occhio, è come se stessi parlando dell’occhio di qualcuno che ricordo vagamente... non c’è nessun occhio – c’è solo una serie di bocche – lunga vita alle bocche
– il tuo tetto – se già non lo sai – è stato demolito... occhio è il plasma & e tu hai ragione anche su questo – sei fortunato – non devi pensare a cose come occhi & tetti & quasimodo.



 
 
MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------