Il Tuono sulla montagna, lo Spirito sulle acque,
il Mistico giardino abbandonato...
Una lettura di "Modern Times" in chiave dantesca
di Michele Murino

Quella che segue è un'interpretazione di alcune canzoni di "Modern Times" basata su una serie di connessioni con l'opera di Dante Alighieri, ed in particolare 'La Divina Commedia' (Paradiso).

Tutto prende le mosse dall'impressione, che avevo ricevuto dopo svariati ascolti dell'album, in base alla quale la Alicia Keys nominata da Dylan in "Thunder on the mountain" (primo brano del disco) potesse in qualche modo rappresentare per lui una sorta di Beatrice dantesca.

Partendo da questa sensazione, ho sviluppato così una mia teoria tra il serio ed il faceto mettendo insieme una serie di corrispondenze/coincidenze che vado a commentare.

La mia "investigazione" era nata dalla domanda che continuavo a farmi: perchè proprio Alicia Keys?

Perchè proprio una popstar alla quale nessuno avrebbe mai pensato lontanamente che Dylan potesse dedicare dei versi?

I was thinkin' 'bout Alicia Keys, couldn't keep from crying
When she was born in Hell's Kitchen, I was living down the line
I'm wondering where in the world Alicia Keys could be
I been looking for her even clear through Tennessee

Stavo pensando ad Alicia Keys, e non ho potuto fare a meno di piangere
Quando lei è nata ad Hell's Kitchen, io vivevo a sud
Mi chiedo dove potrebbe essere ora Alicia Keys
L'ho cercata persino in tutto il Tennessee

Tra migliaia di persone, perchè proprio lei?

Dal momento che sono da sempre convinto che Dylan non inserisca a caso nei suoi versi questa o quella parola, questo o quel personaggio, ho incominciato a fantasticare sul motivo di quella strana scelta... E ad annotarmi tutta una serie di coincidenze...

Chissà...?
Magari Dylan non ha scelto Alicia a caso, ma per un preciso motivo evidente nel suo cognome e nel suo luogo di nascita...
Magari Alicia, che - come canta Dylan nel brano - "è nata ad Hell's Kitchen" (Hell = Inferno), proprio come la Beatrice di Dante, ha per Dylan le chiavi (in inglese "keys") del Paradiso... e dunque nominandola Dylan ha voluto operare uno dei suoi geniali giochetti "semantici" fatti di allusioni e di codici da interpretare, quelle acrobazie linguistiche alle quali ci ha abituati.

E per di più, la scelta di Alicia (che Dylan ha incontrato alla serata dei Grammy Awards di qualche anno fa e a proposito della quale ha dichiarato: "Non c'è niente di quella ragazza che non mi piaccia"), coincidenza nella coincidenza, si andava a sposare perfettamente con la fascinazione che Dylan ha sempre dimostrato per le donne nere, almeno dal 1977 circa in avanti, e dunque la ragazza si prestava benissimo ad essere presa come esempio per rappresentare una sua ideale "Beatrice".

Poi, altra coincidenza, nel Canto I del Paradiso, Dante scrive (parlando de "l'etterno valore", ovvero il potere divino)

Questi ne porta il foco inver’ la luna;
questi ne’ cor mortali è permotore;
questi la terra in sé stringe e aduna;

che tradotto in inglese è

This bears away the fire towards the moon;
This is in mortal hearts the motive power
This binds together and unites the earth.

e guarda caso nella prima strofa anche Bob parla di "fires on the moon":

Thunder on the mountain and there's fires on the moon...

Tuono sulla montagna, fuochi sulla luna...

Inoltre, sarà un caso, ma "Alicia" in fondo non è altro che "Alice". E "Alice" e "Beatrice" hanno una notevole "assonanza" in quanto a grafia.

Tra l'altro, chissà se è anche questa una coincidenza, se Dante sceglie Virgilio come sua guida, Bob dice invece di aver studiato l'Ars Amatoria di Ovidio (I've been sitting down studying The Art Of Love) altro poeta punto di riferimento di Dante per la Divina Commedia.

Oltre tutto Beatrice viene da Dante definita, nel sonetto "Tanto gentile e tanto onesta pare":

"...cosa venuta da cielo in terra a miracol mostrare"

Ed in "When the deal goes down", altro brano di "Modern Times", Dylan canta:

"Sei giunta ai miei occhi come una visione dai cieli"

E sempre nello stesso sonetto dalla Vita Nova, Dante scrive, parlando ancora di Beatrice:

Mostrasi sì piacente a chi la mira,
che dà per li occhi una dolcezza al core,
che 'ntender no la può chi no la prova

Cioè: La bellezza di Beatrice dà attraverso lo sguardo una dolcezza al cuore che chi non la prova non la può capire.

E Dylan ancora in "Thunder on the mountain", proprio nella strofa successiva a quella in cui ha detto di aver cercato in tutto il Tennessee la sua Alicia/Beatrice, sembra ribaltare il concetto:

"Mi sento come se la mia anima stesse cominciando ad espandersi
Se guardi nel mio cuore forse capirai"
(la dolcezza che non può capire "chi no la prova" la capirai se guardi nel mio cuore).

Dunque cerca Alicia/Beatrice perchè è l'unica che riesce a far sì che "la sua anima si espanda" (dunque l'unica che l'avvicini a Dio proprio come Beatrice vi condusse Dante)? L'unica che gli infonde nel cuore la dolcezza che "non può capirla chi non la prova" (ma che invece "se guardi nel mio cuore capirai")?

Tra l'altro nella Divina Commedia spesso Dante si rivolge a Beatrice chiamandola "Madonna" (che resta "Madonna" anche per quelli di lingua inglese) e magari Dylan si è divertito anche a fare un ulteriore cervellotico e decisamente ardito gioco di parole. Dante si rivolge a "Madonna" e Bob invece ad Alicia Keys (cioè un'altra popstar come Veronica Ciccone). Certo, in questo caso, il senso dell'umorismo e dell'ironia di Bob sarebbe ai massimi livelli ma, trattandosi di Dylan, mai escludere alcuna possibilità :o)

Tra l'altro in tutto il brano Dylan canta altre frasi facilmente associabili ad elementi divini e paradisiaci:

Il tuono sulla montagna, non a caso messo proprio come prima frase del disco, potrebbe annunciare l'arrivo del Signore

The sun will be here soon = The Son will be here soon

"Data la quasi identica pronuncia e la frequenza con la quale l'assonanza compare nella letteratura religiosa di lingua inglese, "Sun" può anche essere inteso come "Son", cioè Figlio, Gesù Cristo" (Alessandro Carrera nella nota a 'Precious Angel' in "Lyrics 1962-2001", pag. 1193)

E nel secondo brano di Modern Times, infatti, appare "the spirit on the water", lo spirito sulle acque (lo spirito di Dio?) che vaga sull'abisso ("on the face of the deep").
Genesi, 1, 1-2 : In principio Dio creò il cielo e la terra. Ora la terra era informe e deserta e le tenebre ricoprivano l'abisso e lo spirito di Dio aleggiava sulle acque.

E tra l'altro, altra coincidenza, anche Beatrice, nel canto 29mo del Paradiso, nel suo discorso a Dante, spiegandogli la creazione degli Angeli e la caduta di Lucifero, parla di Dio utilizzando un'immagine che lo raffigura sulle acque:

Non per aver a sé di bene acquisto,
ch'esser non può, ma perché suo splendore
potesse, risplendendo, dir "Subsisto",

in sua etternità di tempo fore,
fuor d'ogne altro comprender, come i piacque,
s'aperse in nuovi amor l'etterno amore.

Né prima quasi torpente si giacque;
ché né prima né poscia procedette
lo discorrer di Dio sovra quest' acque.

Dylan dice che "quello è il giorno" (il giorno del giudizio?), prende il trombone e suona (le trombe che annunciano la "end's world" che citerà alla fine di Modern Times, "la fine del mondo"?)

Oltretutto in Nettie Moore Dylan canta:

The judge's coming in, everybody rise
Lift up your eyes

Sta arrivando il giudice, tutti si alzano
Solleva il tuo sguardo

...ovvero un altra allusione all'arrivo del Signore (il giudice). Un verso che tra l'altro fa il paio con quello di Sugar Baby da "Love and theft" che recita: "Look up, look up - seek your Maker - 'fore Gabriel blows his horn" (Solleva lo sguardo - cerca il tuo Creatore - prima che Gabriele suoni il suo corno).

Dylan ha cercato la sua Beatrice/Alicia fino in Tennessee. La sua Beatrice che è stata all'Inferno (Hell's Kitchen) ma che possiede le "keys", le chiavi, per farlo accedere al Paradiso? The keys to the Kingdom (per citare sempre Bob).
Infatti dice che sente la propria anima espandersi...
E poco dopo canta: "Vieni a leggere la scritta sul muro, vieni a vedere cosa dice".
"La scritta sul muro preannunciante guai rimanda a "Mane, Tekel, Fares" (o "Mene, Tekel, Upharsin"), profezia della caduta di Babilonia, decifrata dal profeta Daniele in Daniele 5, 5:28" (Alessandro Carrera in riferimento alla canzone "Trouble", in "Lyrics", p. 1199)

Poco dopo però afferma di non aver bisogno di guide (Beatrice/Alicia ? Virgilio/Ovidio ?), perchè "conosce già la strada". Basta "seguire la musica" (la musica della tradizione? la musica delle sfere? quella in cui Dylan ha sempre affermato di credere come e più di una fede?)

Canta infatti:
"Dormirò lassù, è da lì che viene la musica
Non ho bisogno di guide, la strada la conosco già"

Ed afferma di essere sempre il servitore di Dio ("Ricordati che io sono il tuo servitore sia di notte che di giorno")

"Il sole continua a splendere ed il Vento del Nord continua a prendere velocità"

The Sun = The Son ?

Il vento del Nord è forse un riferimento al Diavolo? Come in 'Sweetheart like you' cantava che "il padrone (il diavolo) non c'è, se n'è andato a Nord, si è lasciato sopraffare dalla vanità"
Geremia 1, 14: "Dal Nord si diffonderanno i mali su tutti gli abitanti della Terra" (il "vento del Nord che continua a prendere velocità" i cui effetti vedremo nella finale Ain't Talkin' con quelle scene di desolazione e morte?)

I'll recruit my army from the orphanages / Recluterò i miei soldati negli orfanotrofi (un esercito per la battaglia dell'Armageddon?)

"Mi alzerò domani mattina per percorrere quella difficile strada
Un bel giorno sarò a fianco del mio Re
Non tradirei mai il tuo amore nè nessun'altra cosa"

A fianco del mio Re = Al fianco del Signore?

La città citata in Thunder on the mountain (I'd like to try somethin' but I'm so far from town - Vorrei provare qualcosa ma sono così lontano dalla città) potrebbe essere la città di Dio come ipotizzato per la canzone 'Under the red sky' dove tra l'altro si parlava ancora della "Key to the Kingdom", la chiave del regno.

Nel secondo brano, "Spirit on the water", dice:
"You got the key to my brain" (un altro riferimento ad Alicia/Beatrice che ha le "keys" della sua mente? Una donna, quindi l'amore, la salvezza?)

I versi:

I've been trampling through mud
Praying to the powers above
I'm sweating blood
You got a face that begs for love

sono una chiara allusione a Cristo e al suo Calvario (mi sono trascinato nel fango = Cristo che porta la croce e cade lungo la strada per il Calvario ; pregando i poteri in alto = pregando il Padre, Dio ; sudo sangue = come Cristo nel Getsemani).

Però Dylan afferma anche di non poter accedere al Paradiso perchè ha ucciso un uomo lì. Forse un riferimento a Caino?

Caino che Dylan aveva già "citato" in Not dark yet (Sometimes my burden seems more than I can bear)

I wanna be with you in paradise
And it seems so unfair
I can't go to paradise no more
I killed a man back there

Vorrei essere con te in paradiso
e sembra così ingiusto
Non posso più tornare in paradiso,
ho ucciso un uomo lì

"with you" (con Alicia/Beatrice? la donna salvifica? con Dio ?)

Molti versi di "Spirit on the water" tra l'altro sono ambigui e potrebbero anche non riferirsi ad una donna ma a Dio (Alessandro Carrera parlando di 'I believe in you': "Come altre canzoni del periodo cristiano, potrebbe essere indirizzata sia a Gesù Cristo sia a una donna"; sempre in Lyrics, p. 1193).

In particolare:

Attraverso paesi,
viaggio nel crepuscolo del giorno
Sei sempre nei miei pensieri,
non riesco a starti lontano

Non riesco a spiegare
le fonti di questo dolore nascosto
Hai aperto un varco nel mio cuore,
hai le chiavi della mia mente

La vita senza di te
non significa niente per me
Lo dico chiaramente
questi nodi sono stretti abbastanza da tenere

Ora la tua dolce voce
grida da qualche vecchio tempio familiare

Da Est ad Ovest,
sin da quando è cominciato il mondo
Lo dico davvero,
voglio solo stare con te in ogni modo possibile

Ed anche l'intera "When the deal goes down" può essere letta in questa chiave.

Anche in Rollin' and tumblin' c'è un verso ambiguo se si dà per buona la lettura Sun = Son

I got up this mornin', saw the rising sun return
Well, I got up this mornin', see the rising sun return
Sooner or later, you too shall burn

Mi sono svegliato ed ho visto il sol levante ritornare
Mi sono svegliato ed ho visto il sol levante ritornare
Prima o poi anche tu brucerai

Rising Sun = Sole Nascente ; Rising Son = Il Figlio Risorto ?

Anche Beyond the horizon ha molti versi che sembrano una descrizione paradisiaca:

Oltre l'orizzonte, al di là del sole
alla fine dell'arcobaleno dove la vita è solo all'inizio
Nelle lunghe ore del crepuscolo, più in basso della polvere stellare
Oltre l'orizzonte è facile amare

Corre e corre il mio cuore infelice
sento il bacio dell'angelo
mentre le mie memorie annegano
nella beatitudine dei mortali

Tra l'altro "il bacio dell'angelo" potrebbe essere un riferimento di Dylan all'Arcangelo Michele il quale con il suo esercito nel giorno dell'Armageddon separerà il bene dal male.

"La luce trionferà sulle tenebre: è stato predetto e così sarà. Perchè non partecipare a quell'evento? I figli di Dio che saranno iscritti nel numero di coloro che avranno partecipato al combattimento dell'Arcangelo Michele, il Genio del Sole, questa potenza di Dio tra le più luminose, riceveranno il bacio dell'Angelo del fuoco. Tale bacio non li brucerà ma li illuminerà" (Omraam Mikhaël Aïvanhov).

Nell'ultima canzone Dylan, nella prima e nell'ultima strofa, è nel mistico giardino (il Paradiso?), si rivolge ad una "madam" (Alicia/Beatrice le cui "keys" gli hanno permesso l'accesso?), ma "il Giardiniere se n'è andato" (Dio? Dio che ha abbandonato l'umanità in "questo stanco mondo di dolore", "tra la pestilenza delle città", in questo "intero mondo colmo di speculazione"? ).
Il giardiniere che ha abbandonato il giardino, proprio come qualcuno ha voluto interpretare (sul sito "A lily among thorns") la figura del "man in the moon" in Under the red sky e che un bel giorno se n'era andato?
"E c'era un vecchio (Dio?) che viveva nella luna e che un giorno d'estate passò lì vicino... Un giorno l'uomo nella luna tornò a casa ed il fiume seccò" ?


Michele Murino