Massimo Bubola
SEGRETI TRASPARENTI
Eccher Music, 2004
 
E' uscito il nuovo splendido album di Massimo Bubola, Segreti Trasparenti, un disco musicalmente e liricamente perfetto che conferma il "singer with a band" veneto (come ama definirsi, in luogo di "cantautore") nel novero degli esponenti di punta della canzone d'autore italiana. Undici brani tra cui spiccano La sposa del diavolo (che è una stupenda riscrittura del traditional House Carpenter), La fontana (e la domenica), forse il miglior pezzo dell'album (una deliziosa ballata dalla irresistibile melodia, cantata in duetto con Luciana Vaona, come La sposa del diavolo), Per quanto tempo, la biblica Tutto è legato (una rock-ballad dal ritmo trascinante ispirata agli episodi di Giuditta ed Oloferne, di Abramo ed Isacco e di Gesù Cristo sul Calvario), e Quella campana, in cui per la prima volta l'autore ricorda il fratello Giovanni Maria, scomparso a soli 12 anni. In questo senso, come dichiarato da Bubola in un'intervista pubblicata su Maggie's Farm: "Segreti trasparenti è un disco che in qualche modo supera il lutto. E' come se in questo nuovo album io riesca a parlare di cose di cui non ero mai riuscito a parlare prima". 

Le canzoni:

La sposa del diavolo - Massimo Bubola adatta in italiano il traditional dal titolo House Carpenter che anche Bob Dylan cantò (la sua versione è su Bootleg Series Vol. 1-3). Il lavoro di riscrittura di Bubola è eccellente ed il brano risulta di gran lunga superiore all'originale grazie anche alla musica, riscritta per l'occasione da Bubola e Michele Gazich, e grazie all'interpretazione di Massimo e Luciana Vaona che riescono a dare al brano quel senso di ineluttabilità, di sospensione, di inquietudine che ne fanno una delle perle di questo disco.

Specialmente in Gennaio - Questo brano ha per sottotitolo "a F. dall'altra parte del vento", laddove la F. sta per Fabrizio. Fabrizio De Andrè, naturalmente, con cui Bubola ha a lungo collaborato in alcune delle migliori canzoni del cantautore genovese e che qui viene ricordato da Massimo con un bellissimo testo, denso di affetto per l'amico scomparso.

Roger McClure - Brano dalla bella melodia "antica": è la storia di un bandito irlandese linciato dai soldati.

Stai con me - Bel brano lento e molto melodico dal nostalgico testo venato di malinconia per qualcosa che si è perduto.

La fontana (e la domenica) - Il brano migliore dell'album supportato da una splendida melodia e cantato in duetto con Luciana Vaona. Il testo è un divertente dialogo tra uno spasimante e la ragazza da lui desiderata, un botta e risposta con sorpresa nella strofa finale. Una canzone dall'atmosfera antica ed una melodia irresistibile. Diventerà uno dei classici di Massimo Bubola.

Entrambi - Musicalmente è l'adattamento di una melodia tradizionale irlandese. Il testo racconta di due soldati innamorati della stessa donna. Da sottolineare, come in quasi tutte le canzoni del disco, il violino di Michele Gazich il quale ha coprodotto l'album oltre a suonare diversi strumenti.

Quella campana - E' un'altra delle perle di questo album, dedicata da Massimo al fratello perso in tenera età. Il testo è molto toccante, intriso di poesia ("Ora avanti negli anni / ti riincontro nei sogni / e non serve più a niente / sapere che forse / sei felice lassù / e difendi quel vuoto / se non puoi avere indietro / la sua gioventù").

Tutto è legato - Una splendida rock-ballad dal ritmo travolgente, uno dei pezzi migliori del disco. Giuditta decapita Oloferne, Abramo sta per sacrificare suo figlio Isacco, Gesù Cristo muore sulla croce... "Tutto è legato, presente e passato / Tutto è legato, il sangue è versato, il patto è salvato". Un trascinante brano "biblico" che rimanda con la mente a Marabel. Destinato a diventare un altro classico.

Per quanto tempo: Musicalmente eccellente, ha un testo semplice costituito da dieci interrogativi alla donna amata. 

Jetta 'a luna: Massimo Bubola si era già cimentato in napoletano con la celebre "Don Raffaè" (dall'album Amore &Guerra). Con questa canzone, il veneto Massimo, riesce a scrivere un classico moderno della canzone partenopea. Splendida. 

Tornano i santi: Lenta ballata caratterizzata da un testo molto evocativo ed a tratti "apocalittico", supportato da una bellissima melodia. 

Michele Murino

MASSIMO BUBOLA
Segreti trasparenti

1 - La sposa del diavolo *
2 - Specialmente in gennaio
3 - Roger McClure
4 - Stai con me
5 - La fontana (e la domenica)
6 - Entrambi **
7 - Quella campana
8 - Tutto è legato
9 - Per quanto tempo
10 - Jetta 'a luna
11 - Tornano i santi

Prodotto da Massimo Bubola e Michele Gazich

Testi e musiche di M. Bubola
* testo di M. Bubola, musica di M. Gazich - M Bubola
** testo di M. Bubola, musica trad. arr. M. Bubola


JETTA 'A LUNA 

Chesta notte solo rimango ccà 
mentre 'o firmamento se sta a cuntà. 
Jetta 'a luna, jetta 'a croce 
famme sperà doce doce. 
Jetta 'a luna, jetta 'a voce 
dimme che l'ammore me scetarà. 

Tutto 'o juorno te stette ad aspettà 
juorni che sò mise sò eternità. 
Jetta 'a luna, jetta 'a croce 
famme durmì doce doce. 
Jetta 'a luna, jetta 'a voce 
dimme che l'ammore me scetarà. 

Nuvole nere 'o mare stanno a sfreggià 
comme 'sti pensieri pe' turmentà. 
Jetta 'a luna, jetta 'a croce 
famme sunnà doce doce. 
Jetta 'a luna, jetta 'a voce 
dimme che l'ammore me scetarà. 

Schiove dint' 'o chiostro e 'o melograno 
'e rosa me colora 'e fenèste chiano. 
Jetta 'a luna, jetta 'a croce 
famme murì doce doce. 
Jetta 'a luna, jetta 'a voce 
dimme che l'ammore me scetarà.

Jetta 'a luna, jetta 'a voce 
dimme che l'ammore me scetarà.

(parole e musica di M. Bubola)

GETTA LA LUNA

Stanotte son qui da solo 
mentre si conta il firmamento. 
Getta la luna, getta la croce 
fammi dolcemente sperare. 
Getta la luna, getta la voce 
dimmi che l'amore mi sveglierà. 

Ti ho aspettato tutto il giorno 
giorni che son mesi, sono eternità. 
Getta la luna, getta la croce 
fammi dolcemente dormire. 
Getta la luna, getta la voce 
dimmi che l'amore mi sveglierà. 

Nuvole nere sfregiano il mare 
come il tormento di questi pensieri. 
Getta la luna, getta la croce 
fammi dolcemente sognare. 
Getta la luna, getta la voce 
dimmi che l'amore mi sveglierà. 

Spiove nel chiostro ed il melograno 
di rosa mi colora le finestre piano. 
Getta la luna, getta la croce 
fammi dolcemente morire. 
Getta la luna, getta la voce 
dimmi che l'amore mi sveglierà. 

Getta la luna, getta la voce 
dimmi che l'amore mi sveglierà.

(traduzione di Michele Murino)

I dipinti:
Caravaggio - Giuditta e Oloferne - Galleria Nazionale di Arte Antica, Roma
Caravaggio - La deposizione - Pinacoteca Vaticana, Roma
Caravaggio - Il sacrificio di Isacco - Galleria degli Uffizi, Firenze

Le foto:
1 - La copertina di Segreti Trasparenti
2 - Michele Gazich e Massimo Bubola in concerto


Ritratti
il nuovo album di Francesco Guccini
Clicca qui
 


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION