MAGGIE'S FARM

ITALIAN FAN SITE

OMAGGIO A BOB DYLAN
 
 


 
 

BIOGRAFIA - parte 2



 
 

1970 - Il nuovo LP di Dylan, dal titolo "New morning", viene salutato da critica e pubblico come il segno di una rinascita dell'artista. Undici composizioni originali per un ottimo album con alcune gemme come "Day of locusts", "Went to see the gipsy", "Time passes slowly", "The man in me". Il disco riporta Dylan nella top ten

1 Agosto 1971 - Dylan partecipa al Madison Square Garden ad un concerto di beneficenza a favore della popolazione del Bangla Desh falcidiato da guerra e carestia. La manifestazione è organizzata dall'ex-beatle George Harrison che è diventato nel frattempo buon amico di Dylan (i due scriveranno anche diverse canzoni insieme)

1972 - Dylan entra a far parte del cast del film western "Pat Garrett & Billy the Kid" diretto da Sam Peckinpah. Dylan interpreta la parte di Alias, un enigmatico membro della banda di Billy the Kid (nella realtà storica sembra fosse il suo braccio destro) e scrive la colonna sonora del film di cui fa parte una delle sue canzoni più famose, "Knockin' on Heaven's door". Viene anche pubblicato un album con la colonna sonora del film con otto pezzi strumentali e due canzoni, "Knockin' on Heaven's door" e "Billy"

Estate 1973 - Dylan lascia la CBS e firma un contratto con la Asylum di David Geffen, una piccola casa discografica della West Coast (Bob si era intanto trasferito in California a Malibu) . Il 2 novembre, insieme con "The Band", inizia a registrare "Planet waves" il suo nuovo eccellente album che presenta autentici capolavori come "Forever young", "Wedding song", "Dirge", "Tough Mama". Il LP raggiunge il primo posto in classifica

Novembre 1973 - La CBS, la vecchia casa discografica di Bob, pubblica a sorpresa un album non autorizzato dal cantante. Si chiama semplicemente "Dylan" (anche conosciuto col sottotitolo "A fool such as I") ed è costituito esclusivamente da pezzi scartati dalle vecchie sessions degli album precedenti. La cosa viene vista come una vendetta della CBS nei confronti di Dylan per aver cambiato etichetta. Il materiale, infatti, non è di grande qualità essendo stato registrato quasi come "riscaldamento". Dylan, comunque, forte anche del successo commerciale di "Knockin' on Heaven's door", rinegozia gli accordi con la CBS e torna con la sua vecchia casa discografica

Autunno 1974 - Dylan incide le canzoni per il suo nuovo album "Blood on the tracks". Il disco è uno dei suoi più belli (secondo alcuni critici è in assoluto il migliore album di Dylan) con capolavori assoluti come "Tangled up in blue", "Idiot wind", "Shelter from the storm", "Simple twist of fate", "Lily, Rosemary and the Jack of hearts", "You're a big girl now". Il disco ha un incredibile successo commerciale e di critica e balza al primo posto in classifica

1975 - Esce "The basement tapes" con una selezione di alcune delle canzoni registrate nel 1967 da Dylan e "The Band" nella cantina di Big Pink a Woodstock e che circolavano già da anni su vari bootleg

1975 - All'Other End, un locale del Greenwich Village a New York, Dylan conosce Jacques Levy, autore di testi (aveva collaborato anche ad alcune canzoni di Roger Mc Guinn) e regista della commedia teatrale "Oh Calcutta". Dalla collaborazione con Levy nascono i testi delle canzoni del nuovo album di Dylan, intitolato "Desire". Il sound di Bob si rinnova grazie ad arrangiamenti un pò diversi dal solito (con una predilezione per i suoni "tex-mex") ed al violino di Scarlet Rivera.
La parte del leone nel nuovo album la fa la canzone intitolata "Hurricane" scritta da Dylan e Levy in difesa del pugile di colore Rubin "Hurricane" Carter imprigionato con l'accusa di omicidio e successivamente riabilitato. Fece scalpore la canzone "Joey" dedicata ad un ex gangster italoamericano, Joey Gallo che Dylan e Levy presentavano quasi come un eroe. Altre canzoni degne di nota sono "Isis"e"Sara" un'appassionata dichiarazione d'amore alla moglie. Nel disco Bob è affiancato nel canto da Emmylou Harris che fa la seconda voce in molte canzoni





1975 - Dylan organizza la "Rolling Thunder Revue", una sorta di rivista itinerante che si sposta in lungo e in largo attraverso gli Stati Uniti facendo concerti nei piccoli teatri. Ne fanno parte tra gli altri Joan Baez, Roger McGuinn, Scarlet Rivera, Rob Stoner, Jack Elliot, Bobby Neuwirth, Allen Ginsberg. Durante il tour viene girato il film "Renaldo and Clara" uscito nelle sale tre anni dopo nel 1978

1976 - La rete NBC registra "Hard rain" uno special televisivo sulla "Rolling Thunder Revue" con il concerto di Fort Collins, Colorado

1977 - Bob e Sara divorziano





1978 - Nuovo album e nuovo sound (con arrangiamenti più sofisticati e l'uso di fiati) per un Dylan accusato di essere diventato ormai un cantante da Las Vegas. Il titolo del disco è "Street legal" ed è un mezzo fiasco a livello di vendite pur contenendo alcune ottime canzoni come "Senor", "Changing of the guards", "Is your love in vain?" e "No time to think"

Novembre 1978 - "Avvertii una presenza nella stanza, e non avrebbe potuto trattarsi di nessun altro se non Gesù... Mi sentii come rinascere... Gesù pose la sua mano su di me. Sentii la sua mano ed il mio corpo cominciò a tremare tutto. La gloria del Signore mi abbattè e poi mi aiutò a rialzarmi."
Il racconto è di Bob Dylan e si rifersice ad una sua esperienza nella stanza di un albergo di Tucson. Negli anni successivi a questo evento Dylan, diventato "Cristiano Rinato", compone quasi esclusivamente canzoni che parlano di Dio e della Fine dei Tempi

29 Marzo 1979 - A Los Angeles Dylan conosce Mark Knopfler, leader dei "Dire Straits", e gli chiede di collaborare al suo prossimo disco "Slow train coming", il primo di tre album del Dylan "fondamentalista". Bob passa al gospel ed al soul e sforna canzoni religiose di estrema bellezza quali "Gotta serve somebody" (con cui vince un grammy award) , "I believe in You", "Slow train", "When He returns" e "Precious angel". L'album ha uno strepitoso successo commerciale tanto da risultare il secondo disco di Dylan più venduto di sempre

1979/1980 - Parte il cosiddetto "Gospel Tour" con Dylan che, tra una canzone e l'altra, predica la Verità della Bibbia parlando della fine del mondo, dell'Armageddon e del nuovo Avvento di gesù Cristo. Il suo tentativo di "convertire" i propri fans viene commentato ironicamente dalla critica che non crede alla sincerità dell'artista (il premio per l'originalità, come sottolineato da Clinton Heylin nel suo "Jokerman - Vita e arte di Bob Dylan ", va al New Musical Express che titola "Dylan è Dio! E' ufficiale!"

1980 - Esce "Saved" il secondo disco del Dylan "Cristiano Rinato". Pur non raggiungendo le vette di "Slow train coming" l'album contiene ottimi pezzi come la trascinante title-track e "Solid Rock"

1981 - E' la volta di "Shot of love", album controverso dal quale Dylan esclude inspiegabilmente capolavori come "Angelina", "The groom's still waiting at the altar" e "Caribbean wind", tre canzoni scritte in quel periodo e pubblicate solo successivamente. "Shot of love", comunque, contiene uno dei capolavori dylaniani di sempre "Every grain of sand" ed altre valide canzoni come "Dead man dead man" e "Heart of mine"

Novembre 1983 - Ancora con la collaborazione di Mark Knopfler e dell'altro membro dei Dire Straits Alan Clark alle tastiere esce il nuovo album di Dylan, "Infidels", con il quale l'artista sembra abbandonare le canzoni di carattere religioso (sebbene sia "Jokerman" che "Man of peace" siano ispirate al Nuovo Testamento). L'album è notevole e presenta ottimi brani quali "Jokerman", "Sweetheart like you", "I and I" e "Man of peace", sebbene incredibilmente Dylan avesse deciso di non inserire nel disco tre capolavori come "Blind Willie Mc Tell", "Foot of pride" e "Someone's got a hold on my heart" rielaborata poi per il successivo "Empire Burlesque" con il titolo "Tight connection to my heart (Has anybody seen my love)". Secondo molti in questo periodo Dylan si riavvicina alla religione ebraica. "Infidels" è anche il primo disco di Dylan dal quale vengono tratti dei video per MTV ("Sweetheart like you" e "Jokerman")
 
 






1984 - Tournee europea di Bob in compagnia di Joan Baez e Carlos Santana. Bob si esibisce per la prima volta in Italia, all'Arena di Verona

1984 - Viene pubblicato "Empire Burlesque", un album alquanto discontinuo che in un brano dal titolo "Dark eyes" ripropone Dylan in versione acustica per la prima volta dagli anni '60. Non mancano comunque validi brani come "Clean cut kid", "Trust yourself", "When the night comes falling from the sky" e la stupenda "Tight connection to my heart (Has anybody seen my love)"

1984/1985 - Dylan prende parte a due concerti di beneficenza, il Live Aid ed il Farm Aid, e canta con decine di altri artisti nel singolo "We are the world". Al Live Aid, mega manifestazione organizzata da Bob Geldof in favore delle popolazioni dell'Africa decimate dalla carestia e che annoverava decine di artisti, da Paul Mc Cartney a Neil Young, da Madonna a Joan Baez, da Phil Collins a Sting a David Bowie, si esibisce nel gran finale accompagnato da Ron Wood e Keith Richards dei Rolling Stones. Il Farm Aid, organizzato da Willie Nelson a favore degli agricoltori americani stretti nella morsa della crisi economica e nato da un'idea dello stesso Dylan, lo vede accompagnato da Tom Petty e dai suoi Heartbreakers

Novembre 1985 - Esce "Biograph", un cofanetto di cinque dischi che raccolgono alcune delle più importanti canzoni di Dylan più molti inediti

1986 - Per il suo nuovo album, "Knocked out loaded", Dylan si avvale della collaborazione di Tom Petty & the Heartbreakers. Il disco è uno dei più criticati dell'intera produzione dylaniana sebbene contenga una perla come assoluta "Brownsville girl" scritta in collaborazione con Sam Shepard

1986 - Dylan inizia le riprese di "Hearts of fire". Il film, diretto da Richard Marquand, famoso per aver firmato la regia di "Guerre Stellari", vede nel cast anche Rupert Everett e Fiona Flanagan. La storia è quella di due rock star, una giovane (Everett) ed una ormai ex (Dylan) che si innamorano della stessa ragazza (Fiona, emergente stella del rock). Il film, basato su di una sceneggiatura inconsistente, fu un disastro e solo l'interpretazione di Dylan riuscì a salvarlo parzialmente (!).
Dylan scrisse anche un paio di canzoni per la colonna sonora del film, "Had a dream about you baby" e "Night after night" e ne interpretò altrettante, "A couple more years" di Shel Silverstein e "The usual" di John Hiatt

1987 - Dylan, che da tempo desiderava incidere un disco tutto di covers, fa uscire "Down in the groove", album in cui reinterpreta alcuni classici del passato. La scelta dei pezzi comunque non è particolarmente felice e il disco è un fallimento sia per quanto riguarda l'accoglienza del pubblico che della critica. Tra le poche cose buone di questo disco va comunque segnalata una canzone importante come "Silvio" diventato un classico dei concerti dylaniani.
Nello stesso anno esce anche "Dylan and the Dead" con alcuni pezzi della tournee che Dylan aveva fatto con i Grateful Dead

1988 - Dylan insieme a Roy Orbison, George Harrison e Tom Petty forma i Traveling Wilburys, un gruppo nato quasi per divertimento che però sforna due album eccellenti che raggiungono le primissime posizioni della classifica proponendo le più belle canzoni scritte da Dylan da qualche anno a quella parte. I due album sono "Traveling Wilburys Vol.1" e "Traveling Wilburys Vol.3"
 
 






1989 - Con la produzione di Daniel Lanois Dylan realizza il suo album capolavoro degli anni '80 ed uno dei suoi più belli di sempre, "Oh mercy", disco introspettivo e dalle atmosfere cupe e sotterranee costituito da dieci gemme tra cui brillano soprattutto "Man in the long black coat", "Most of the time", "Shooting star", "Ring them bells" e "What was it you wanted"

1990 - Il seguito di "Oh mercy" è "Under the red sky", disco che però non bissa il successo del precedente pur presentando ottimi pezzi tra cui spicca la stupenda "Born in time"

1991 - Per festeggiare i cinquanta anni dell'artista la CBS fa uscire "Bob Dylan - The bootleg series vol. 1/3" con una marea di canzoni inedite che coprono trenta anni di carriera e tra cui spicca una delle canzoni più belle mai scritte da Dylan, "Series of dreams"

1992 - Esce "Good as I been to you" e Dylan torna alle sue radici con tredici traditionals da lui rielaborati

Ottobre 1992 - Altra celebrazione per Dylan. Al Madison Square Garden oltre quaranta artisti rendono omaggio ai trenta anni di carriera di Dylan in un megaconcerto trasmesso anche in TV dal quale viene tratto anche un doppio cd ed una doppia videocassetta

Gennaio 1993 - Dylan canta "Chimes of freedom" davanti alla Casa Bianca nell'ambito dei festeggiamenti per l'elezione del presidente Clinton

Ottobre 1993 - Esce "World gone wrong" , altro disco di traditionals come il precedente "Good as I been to you"

Agosto 1994 - Dylan partecipa al festival di Woodstock che celebra quello più famoso di 25 anni prima

1995 - Dylan registra uno speciale "unplugged" per MTV. Ne viene tratto anche un album che raccoglie ottime critiche

1995 - Bob partecipa alla festa in onore di Frank Sinatra cantando "Restless farewell", unico tra i numerosi artisti ad avere l'onore di cantare una propria canzone invece che un successo di Sinatra

1997 - Dylan è colpito da istoplasmosi, una infezione al cuore. E' costretto ad annullare il suo tour europeo e secondo alcune fonti rischia seriamente di morire. Lo stesso Dylan dichiara dopo lo scampato pericolo: "Credevo che avrei incontrato presto Elvis".

1997 - Esce "Time out of mind", il nuovo album di Bob. E' un capolavoro che vince tre grammy awards (miglior album dell'anno, miglior performance rock per "Cold irons bound", miglior disco folk). Dylan torna agli antichi fasti con grandi canzoni come "Love sick", "Not dark yet", "Cold irons bound", "Tryin' to get to Heaven", "Highlands" e "Make you feel my love". La critica ed il pubblico premiano l'album che si impone come uno dei migliori mai realizzati da Dylan. Nello stesso periodo Dylan partecipa a Bologna ad un concerto al quale presenzia il Papa che cita alcuni suoi versi tratti da "Blowin' in the wind". Nel 2002 Dylan citerà questo concerto come il suo preferito di sempre.
 
 






1997 - Nasce una etichetta creata da Dylan, la "Egyptian records", che esordisce con un album dedicato a Jimmie Rodgers che presenta anche una canzone interpretata da Bob, "My Blue Eyed Jane"

1997 - Esce l'album "The best of Bob Dylan" che contiene 18 hits tra cui una versione inedita di Shelter from the storm

1998 - Dylan è candidato al premio Nobel per la Letteratura (candidatura che verrà confermata anche negli anni successivi 1999, 2000 e 2001)

1998 - Esce un doppio album dal titolo "Bob Dylan live 1966" e che contiene il famosissimo concerto di Manchester del 66 che erroneamente era stato identificato negli anni precedenti come "Royal Albert Hall" di Londra. Si tratta di un concerto che fa parte della storia del rock con la famosa contestazione a Dylan che culminò nell'insulto di uno spettatore che gridò all'indirizzo del cantante: "Judas!" con riferimento al presunto tradimento di Dylan che aveva abbandonato il folk per il rock elettrico.

2000 - Esce l'album "Wonder boys" (soundtrack), colonna sonora del film "Wonder boys". Bob ha scritto per questo film il brano "Things have changed" incluso in questo disco insieme ad altri tre brani del vecchio repertorio di Dylan (Shooting star, Not dark yet, Buckets of rain)

2000 - Esce l'album "The best of Bob Dylan Vol. 2" con altri 17 successi

Maggio 2000 - Dylan riceve il prestigioso Polar Prize, quello che viene definito "Il premio Nobel per la Musica". Insieme con Bob viene premiato anche il violinista Isaac Stern.

2000 - Dylan vince il Golden Globe Award per la canzone "Things have changed"

Marzo 2001 - Esce l'album live "Bob Dylan - 39 years of great performance" una raccolta di brani live che ripercorre tutta la carriera di Dylan e contiene alcune versioni inedite

2001 - Bob Dylan vince il premio Oscar per la canzone "Things have changed" dal film "Wonder Boys" di Curtis Hanson, con Michael Douglas

11 Settembre 2001 - In USA esce il nuovo album di Bob Dylan (una settimana prima in Europa). "Love and Theft", questo il titolo dell'album è un successo senza precedenti per Bob. Balza direttamente al quinto posto in USA (miglior piazzamento d'esordio di tutti i tempi per Dylan). Anche in Europa domina (è primo in Germania ed in mezza Europa, secondo in Italia, terzo in UK). E soprattutto riceve unanimi consensi di pubblico e critica come forse nessun altro dei precedenti 42 album. Riceve addirittura le cinque stelle di Rolling Stone (dopo dieci anni che la prestigiosa rivista non premiava un album con tale giudizio).
E' un album che ripercorre la Storia musicale americana risalendo fino alle sue origini. Vince anche il Grammy come disco Folk dell'Anno. E' candidato anche come Miglior Disco dell'anno.


Torna alla Biografia - parte 1
Clicca qui per una serie di "foto di famiglia" di Bob


MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

-------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
-------------------