THE ARTIST
periodico di musica fumetti e tormenti vari
number two
 


The Artist n.2 - copertina




da "The artist" n.2
NOTE E BALLOONS
di Michele "Napoleon in rags" Murino

Il mondo del fumetto è stato ed è da sempre zeppo di riferimenti
musicali. Per trattare la materia in maniera completa non basterebbe nè
questo articolo nè l'intero numero della rivista che state leggendo.
Ragion per cui mi limiterò a segnalare i casi più famosi e/o
interessanti cercando di abbracciare un panorama quanto più esteso
possibile, nel tempo e nello spazio.
Uno dei miei primi ricordi di commistione tra il mondo musicale e quello
dei fumetti è una mitologica storia dei "Fantastici Quattro", il più
celebre gruppo di super-eroi della storia dei comics, edito dalla
altrettanto mitologica Marvel Comics, la maggior casa editrice del campo
in U.S.A.
Nella storia in questione i "Fantastici Quattro" incrociavano la loro
strada con un altrettanto celebre quartetto, nientemeno che i quattro scarafaggi di Liverpool... 
No, no, non stiamo parlando di un gruppo di supercriminali
dal costume da insetto bensì dei "Fab Four", dei mitici Beatles.
Chi non ha mai letto quella storia la cerchi perchè è assolutamente
esilarante. Gli autori: Jack "The King" Kirby per quanto riguarda i
disegni e Stan "The Man" Lee per quanto riguarda i testi. Leggasi: la
storia della Marvel!.
Facendo un salto di quarant'anni nel futuro (arrivando quindi ai giorni
nostri) segnalerei senza dubbio una splendida serie edita nel nostro
Paese da Marvel Italia. Mi riferisco a "Kiss" una serie dedicata al
mitico (scusate se in questo articolo ricorrerà spesso questo aggettivo)
gruppo omonimo che rivoluzionò illo tempore la scena musicale. Del resto
i quattro componenti dei Kiss erano già di per se stessi dei personaggi
dei fumetti, visti i loro costumi ed i loro nomi d'arte (Il Vampiro, Il
Gatto etc...). I disegni di queste splendide storie sono di uno
strepitoso Angel Medina ed i testi di un altrettanto strepitoso Brian
Holguin. Sono avventure tra il mistico e la fantascienza in cui i
componenti della band hanno la funzione di vere e proprie divinità, anzi
di Deus-ex-machina della vicenda.
Assolutamente consigliabile per gli amanti, non solo dei Kiss ma del
buon fumetto in generale.
E saltiamo di palo in frasca lasciando gli Stati Uniti e andando a
curiosare in casa nostra. Una serie che ha molti riferimenti musicali è "Lazarus
Ledd" edita da Star Comics. Lo scrittore della serie è il bravissimo Ade
Capone. Ai disegni troviamo una pletora di ottimi artisti tra cui
citerei sicuramente Alessandro Bocci, il copertinista e, a mio avviso,
il miglior disegnatore della collana. Spesso nel corso delle avventure
Capone si diverte a fare citazioni da varie canzoni, dai Metallica a Lou
Reed dai Talking Heads agli U2, dai Dire Straits (che hanno avuto
l'onore del titolo dell'albo n.9 "Fratelli in armi"  dalla celebre
"Brothers in arms") ai Doors. Capone ha scritto tra l'altro anche il
testo di una canzone per Federica Giorgetti dal titolo "Betsy Blues" e
che è anche un episodio del fumetto.
Ade Capone si scatena anche in un altro suo bellissimo e violentissimo
fumetto, Erinni (se non lo conoscete leggetelo perchè è bellissimo ma
occhio che è un pugno nello stomaco), in quanto a citazioni musicali (U2
"Lemon", Peter Gabriel "Come talk to me" e "Digging in the dirt",
Talking Heads "Once in a lifetime", David Bowie "The secret life of
Arabia", Bruce Springsteen "Dancing in the dark" e Simple Minds "This
fear of Gods" tra gli altri).
E veniamo al mio artista preferito, Bob Dylan. Citato innumerevoli volte
nel corso degli ultimi quarant'anni in una miriade di fumetti, al
momento segnalerei sicuramente il capolavoro assoluto (imho come dicono
gli americani, ovvero in my holy opinion) del fumetto di tutti i tempi
che è "Watchmen" di Alan Moore e Dave Gibbons. L'intero volume è zeppo
di citazioni da canzoni, da Elvis Costello a molti altri, ma in
particolare Bob Dylan fa la parte del leone con la mitica (e dài) All
Along the Watchtower che ad un certo punto diventa parte integrante del
racconto nel capitolo dal titolo "2 cavalieri" (Dylan canta: "Two riders
were approaching the wind begun to howl") o in quello chiamato non a
caso "At midnight all the agents..." (citazione dalla superba Desolation
Row dell'album dylaniano "Highway 61 revisited" che recita "At midnight
all the agents and the superhuman crew..."). Al di là del discorso Dylan
se amate i fumetti e non avete ancora letto "Watchmen" siete dei folli
assoluti. Compràtelo, fatevelo prestare, fotocopiatelo, magari rubatelo
ma dovete leggerlo!!!
E sempre per restare su Dylan ricordiamo anche il volume a fumetti "Le
risposte nel vento in formato poster" di Guarnaccia e Tettamanti (Ed.
Ottaviano).
E continuiamo a saltare di palo in frasca. Torniamo in Italia stavolta
nel campo del fumetto umoristico. Come non citare il grande Massimo
Cavezzali il quale ha profuso energie nel raccontare a fumetti le
vicende dei più grandi artisti del rock? La rivista in questione si
chiamava Hey Rock ed ha avuto una propria serie oltre ad apparire in
appendice a Lupo Alberto ed a svariati altri albi a fumetti. Celebri le
parodie fatte da Cavezzali di Bob Dylan (ancora lui), di Lucio Dalla e
Francesco De Gregori (protagonisti anche del volume dell'Isola Trovata
"Piglia e Dalla in concerto"), di Madonna, di Prince, dei Beatles e di
numerose altre rockstar.
Anche i manga (ovvero i fumetti giapponesi) non sono esenti da
contaminazioni musicali.
Cito su tutti il fumetto "Bastard" pieno zeppo di nomi (dati ai
personaggi o ai luoghi) presi pari pari dalle canzoni e dai gruppi Heavy
Metal.
Torniamo negli U.S.A. per segnalare il volume "Alice Cooper - The Last
Temptation" nato in occasione dell'uscita dell'omonimo album di Alice
Cooper. Testi del geniale Neil "Sandman" Gaiman (con il contributo dello
stesso Alice Cooper) per i disegni di un Michael Zulli in forma
smagliante. Uno dei protagonisti del fumetto e The Showman, ovvero alter
ego dello stesso Cooper.
Una curiosità è quella che riguarda il mitico Uomo Ragno che negli anni
'70, in pieno boom della febbre del sabato sera, vide citato il mitico (e arìdai) John Travolta, e più tardi gli altrettanto mitici Blues Brothers.
Per gli amanti del blues va citato il volume a fumetti "Robert Crumb
disegna il blues" del celebre artista underground americano (Ed. Franco
Cosimo Panini) noto soprattutto per il celeberrimo "Fritz il gatto"..
Andando a curiosare in casa Sergio Bonelli Editore è doveroso citare una
collana come Mister No che di tanto in tanto ha strizzato l'occhio alla
musica con citazioni di canzoni napoletane (ricordiamo un'avventura in
cui venivano cantate le celebri "O' sole mio" e "Scalinatella"),
brasiliane (naturalmente visto che la serie è ambientata in Amazzonia) o
arie d'opera, dal Barbiere di Siviglia al Don Giovanni di Mozart, o
ancora classici degli anni 50 come "As time goes by". Senza contare che
il protagonista della serie, Jerry Drake alias Mister No se ne va in
giro cantando continuamente la celebre "When the saints go marching in".
Un altro autore "bonelliano" che ha spesso utilizzato la musica come
sottofondo delle sue storie è il grande Giancarlo Berardi (Ken Parker,
Julia, tra gli altri).
Una curiosità è quella che riguarda "Lo Sconosciuto" personaggio del
grande Magnus.
Non molti sanno che il personaggio in questione era stato ideato da
Roberto Raviola (Magnus) in collaborazione con Francesco Guccini. Come nel caso del succitato "Watchmen" anche nel caso dello "Sconosciuto" consiglio: al di là del riferimento a Guccini se non conoscete questo fumetto leggetelo as-so-lu-ta-men-te perchè è un autentico capolavoro.
Quanto allo stesso Guccini come non ricordare "Storie dello spazio
profondo" una mitica serie a fumetti scritta dal cantautore e disegnata
dal grande Bonvi?
Guccini è tra l'altro grande collezionista di fumetti ed ama
svisceratamente il ciclo del Paperino di Carl Barks. Quiz per i gucciniani: in quale canzone Francesco racconta di un suo viaggio in America in cui comprava "rari giornaletti"?....
Joan Baez ed ancora Bob Dylan (insieme ad una pletora di folksingers di
protesta) sono stati il bersaglio del grande Al Capp nel suo celebre
"Li'l Abner" pubblicato in Italia sulla rivista Linus.
E a proposito di Linus resta mitica una celeberrima strip dei Peanuts in
cui Charlie Brown e Linus appoggiati al solito muretto discutevano in
tal guisa: Linus: "Bob Dylan compirà 30 anni questo mese!". Charlie
Brown: "Questa è la cosa più triste che abbia mai sentito".
Continuiamo il nostro viaggio nel tempo e nello spazio.
Claudio Baglioni ha visto addirittura trasformare una sua canzone in una
incredibile avventura di Dylan Dog. La canzone in questione è la famosa
"La via dei colori" che è diventato un fumetto scritto nientedimeno che
dallo stesso Baglioni per i disegni di un altro grande Claudio, ovvero
Claudio Villa, creatore grafico di Dylan Dog. La storia in questione è
reperibile sul n. 10 di Tutto dell'Ottobre 96.
Claudio Baglioni tra l'altro aveva citato Dylan Dog, personaggio che ama
molto, nella sua canzone Nudo di donna.
Anche il mitico (ariaridài) Alan Ford ha spesso avuto avventure musicali
e per tutte citiamo "Elvis '90" (n. 256 della collana... Dobbiamo specificare chi è il cantante a cui si fa riferimento?...) ed il celebre "Broadway" (n.
99) in cui appare nientepopodimenoche il grande Burt Bacharach in carne
ed ossa (anzi in matita e china). Per la cronaca Max Bunker, autore del
celebre Alan Ford, ritiene quest'ultima la miglior storia di Alan.
Un altro grande al quale è stato dedicato un fumetto è Jim Morrison
protagonista del volume di Roberto Baldazzini "Jim" (Edizioni Granata Press).
Altro grande ed altro volume a fumetti a lui dedicato è l'ex "Police"
Sting. Il volume è opera di Robert Gligorov.
Piccola curiosità "solo per adulti". Nel manga erotico Oh Baby (Edizioni
Star Comics) l'autore Takeshi Oshima si diverte a disseminare titoli di
canzoni dei Beatles in chiave parodistica.
Infine ricordiamo il grande Andrea Pazienza che realizzò alcune
bellissime copertine di dischi tra cui quelli per Roberto Vecchioni come
Robinson, Montecristo e Hollywood Hollywood..
Ad una prossima occasione per eventuali approfondimenti...
Michele "Napoleon in rags" Murino



In "THE ARTIST" N.2 troverete anche:

Fumetti:
RACCONTI DA UN BAGAGLIAIO di Ivan M. e Tripodi
LE AVVENTURE DI CULO di Dentiblù
LE AVVENTURE DI BLANCO & BLECO di Ort1
NANDO di Caretta
ZIMMY: BLONDE ON BLONDE (inedito!!!)
e tanti altri...

Testi:
INTERVISTA AI FRATELLI ORIGONE (quelli di Nilus...)
INTERVISTA A RATMAN (quello di Leo Ortolani...)
INTERVISTA A LEO ORTOLANI (quello di Ratman, of course...)
INTERVISTA A CARLO PERONI (quello di Zio Boris...)
IL NUOVO PACIFISMO PUO' FARSI CAPIRE di Dario Fo e Franca Rame
INTERVISTA A GIOVANNI ROMANINI (quello di Martin Mystere, La Compagnia della Forca, Alan Ford etc.)
RIVALUTIAMO IL ROCK (con caricature di Bob Dylan, Frank Zappa, Kurt Cobain, Jimi Hendrix etc.)
ed altri tormenti...


SE VOLETE ENTRARE IN POSSESSO DI QUESTA RIVISTA DESTINATA A DIVENTARE MITICA CONTATTATE IL VERO DEUS EX MACHINA DI "THE ARTIST" OVVERO IVAN IL TERRIBILE.
LO TROVATE QUI

felicman@tiscalinet.it


Inoltre potete rivolgervi alla fumetteria
SUPERGULP
(Milano)
per reperire le copie di "The Artist"
(affrettatevi perchè vanno via come il pane)


 


MAGGIE'S FARM

sito italiano di Bob Dylan

HOME PAGE
Clicca qui

 

--------------------
è  una produzione
TIGHT CONNECTION
--------------------