Amazon Show
Bob Dylan a Seattle per il concerto celebrativo di amazon.com

Negli ultimi giorni ho visto e rivisto - e dunque ascoltato e riascoltato - più e più volte il concerto di Bob Dylan per Amazon del 16 luglio e ho cercato di farmi un'idea dell'attuale condizione di Bob dal punto di vista esclusivamente vocale. Ecco alcune considerazioni.

Maggie's Farm mi è sembrata davvero eccellente. Incredibilmente Bob ha scandito quasi ogni singola parola, dico incredibilmente perchè dai file mp3 recenti che avevo ascoltato la cosa non era avvenuta praticamente mai per un'intera canzone, e ad essere sinceri un po' in tutti i concerti che ho ascoltato degli ultimi anni non è che la cosa avvenga 'frequentissimamente'. Questa Maggie's Farm invece ha visto Bob concentrato dall'inizio alla fine con un bel fraseggio dal bel ritmo serrato e soprattutto mi è sembrato che avesse davvero voglia di cantarla. Insomma, come già avevo constatato in passato negli anni recenti, quando Bob, per l'appunto, vuole è ancora in grado di cantare una canzone in maniera "pulita", senza sporcarla più di tanto con frasi un po' smangiucchiate o con parole saltate o solo accennate o borbottate (un altro esempio recente: la stupenda Romance in Durango londinese).
Ho letto molti commenti negativi su vari forum in inglese riguardo alla performance di Bob per Amazon. Sono rimasto alquanto stupito perchè complessivamente mi è sembrato invece un ottimo concerto, o quanto meno buono, e soprattutto per quanto riguarda Maggie's Farm non riesco a capire come si possa parlare di performance fiacca, come da più parti ho letto.

La seconda canzone, Tell me that it isn't true, mi è sembrata meno "curata" della prima, dal punto di vista del cantato di Bob. Soprattutto ho l'impressione che ormai per queste canzoni melodicamente molto dolci, con questi testi romantici o venati di malinconia d'amore, il cantato attuale di Bob c'entri veramente come i cavoli a merenda... Laddove ci vorrebbe una voce melodiosa, sussurrata e dolce, magari triste ma comunque tenera, si ha un Dylan che in teoria canta da crooner ma la cui impostazione del cantato va a cozzare in maniera stridente con la sua voce attuale, quella che viene definita giustamente da 'uomo lupo'. E' anche questo forse il motivo per cui nel primo pezzo Bob si è trovato alla perfezione.
Lo stesso discorso vale per la successiva I'll be your baby tonight, brano di John Wesley Harding già in pieno country-style dai toni dolci e romantici, così come per la quarta canzone, Lay lady lay (anche se in misura minore in quest'ultimo caso). Provate ad ascoltare anche solo una frase come quella di apertura di IBYBT versione amazon... "Shut the light"... Secondo me è assolutamente improponibile il modo in cui Dylan la canta... Dovrebbe dire "Spegni la luce..." in maniera dolce come un amante pronto a passare una notte di tenerezza e romanticismo con la donna amata, lontano dal mondo e dalle angosce quotidiane, ed invece la canta con un'intonazione che andrebbe bene per Idiot Wind. Viene fuori una cosa tipo "Shurrggrrrt the laiiighhhrsfttt" con un tono arrochito che andrebbe bene per un blues disperato ma non certo per un brano che recita "Chiudi gli occhi, chiudi la porta / non devi più preoccuparti / Sarò tuo stanotte bimba". Più o meno la cosa si ripete per tutta la canzone in più di un verso... Quello che non mi è ancora chiaro è se Bob usa questo approccio vocale ruvido per scelta o perchè, anche volendo, non potrebbe ottenere - non dico l'effetto vocale dei tempi di Nashville Skyline o Jwh che sarebbe pretendere troppo - ma almeno un tono più dolce. Molti potrebbero dire che è fin troppo chiaro che, delle due, la seconda è quella giusta... Io non ne sarei sicurissimo... Voglio dire che ho a volte l'impressione che Dylan calchi volutamente la "mano" sulla ruvidità di certe pronunce, che volutamente vada a cercare certe asperità della voce, certe dissonanze, certi strascichi 'cartavetrati' e cercherò di dimostrare la mia teoria quando parlerò più giù di I shall be released.
Most likely... è decisamente buona nel cantato anche se, rispetto a MF, Bob comincia a smangiuccharsi qualche parola, ma niente di importante. Resta il fatto che alcuni versi sono nettamente più scanditi di altri (provate ad ascoltare quello che recita "You say my kisses are not like his..." e confrontatelo con i corrispondenti delle strofe successive... Vi renderete conto che è decisamente superiore agli altri). Dico questo per sottolineare quello che dicevo all'inizio, cioè che è solo volontà di Bob quella di scandire, scolpire, far stagliare o meno un verso o una parola così come è sempre e solo sua volontà quella di strascicare una frase o dirla a mezza voce come se non fosse sicuro che quelle siano le parole, o addirittura - diverse volte capita - saltando addirittura una frase o quasi 'cantandosela dentro' in maniera pressochè inintelleggibile.
Con Blind Willie McTell Bob torna decisamente ai livelli di MF per quanto riguarda la scansione delle parole ma purtroppo non ha mai una sola impennata della voce tenendola sempre su un tono soft, monocorde, quasi sussurrato... Naturalmente questo non è necessariamente un male soprattutto in un brano d'atmosfera come BWMT se non che, a mio avviso, in alcuni punti eventuali impennate della voce sarebbero necessarie per spezzare la monotonia (non nel senso di noia ma nel senso letterale di tonalità unica).
E veniamo alla conclusiva e succitata I shall be released che Bob ha cantato in duetto con la splendente Nora Jones. E' stata la perla della serata, e di gran lunga. Una delle cose migliori del Dylan recente. Bob si impegna nettamente più che nelle canzoni precedenti. Scandisce ogni singola sillaba di ogni parola, intreccia la sua voce con quella (bellissima) di Nora con un entusiasmante 'effetto eco' (laddove è la voce della ragazza a fare da eco a quella di Bob) che personalmente mi ha dato i brividi. Forse perchè condizionato e spronato dalla voce di Nora, ho avuto l'impressione che Bob abbia sensibilmente controllato le asperità e le durezze di cui parlavo sopra ed è per questo che dicevo che queste ultime mi sembrano cercate volutamente piuttosto che "naturali", dal momento che in questo caso Bob vi ha rinunciato, quasi a voler mettersi sulla stessa 'lunghezza d'onda' di Nora. Un'idea: perchè non reinserire nella band un coro di ragazze come ai tempi dei "gospel years"? Questo a mio avviso fenomenale duetto con la Jones dimostra che i risultati potrebbero essere eccezionali.
Dirò di più: eccezzzionali!
Michele Murino


E' UNA PRODUZIONE
TIGHT CONNECTION